‼️ BASTA METTERCI UNA PEZZA, VOGLIAMO LA MESSA IN SICUREZZA‼️

🌍 In occasione del Global Climate Strike, anche Fem.in. si unisce alle iniziative di Fridays For Future Cosenza. Da sempre ancoratə alle problematiche del territorio, oggi gridiamo a gran voce che abbiamo il diritto di vivere in spazi sicuri, salubri, fruibili e che siano altresì adeguati per il territorio e per chi lo vive. ❌ Dal centro storico al centro città, l’area urbana brulica di pericoli, abbandono e contraddizioni che spesso causano molto più di semplici problemi. È il caso del nostro concittadino, Giampiero, venuto a mancare nelle scorse settimane a causa di un incidente avvenuto nel tratto di strada che collega la località Porta Piana al ponte Mancini, chiusa al traffico da ormai un anno poiché interessata da frane e smottamenti, nonché, prima della tragedia, priva di regolare segnaletica e blocco stradale conforme. 🔄 Potremmo fare un lungo excursus sulle mancanze di questa amministrazione, tanto sul piano del welfare quanto su quello dei diritti delle donne e di chi lavora; è infatti Piazza Bilotti luogo simbolo dell’incuria e dell’immobilismo impregnante la giunta comunale, poiché a quasi due mesi dal dissequestro e dopo nove mesi di diatribe giudiziarie, questo spazio è ancora così, chiuso. La cittadinanza è stata privata di un luogo aperto in cui poter respirare tranquillamente durante l’emergenza Covid-19, ma specialmente lavoratori e lavoratrici dei locali e dei negozi della zona si sono visti doppiamente colpiti durante l’ultimo anno; non solo per la pandemia, bensì per le scelte urbanistiche e per le vicenduole giudiziarie che interessano qualsiasi cosa venga fatta dai vertici dell’amministrazione cosentina. 💣 Siamo tuttə stanchə di subire violenze istituzionali, sotto ogni forma. ❗ Oggi ricordiamo Giampiero con la promessa che non indietreggeremo di un centimetro rispetto coloro che, anziché tutelarci, ci uccidono.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *