28 FEBBRAIO 2019 – prima azione

A Cosenza, come nel resto d’Italia e nell’intero globo, la violenza del sistema patriarcale, che si consuma a scapito delle donne e delle soggettività non binarie, non è mai stata così subdola. Si insinua nelle coscienze, camuffandosi dietro ad espressioni confortanti quanto ingannevoli, le quali ci illudono di vivere in una società dove oramai le differenze e gli stereotipi di genere non esistono, o se non altro non scalfiscono la libertà individuale. La minaccia della violenza, in qualsiasi forma essa si manifesti, è determinata dal suo essere agita con astuzia e dall’essere narrata con altrettanta destrezza. La molestia sessuale è così imputata ad un presunto atteggiamento provocante della vittima, la responsabilità di uno stupro addossata alla donna che l’ha subito, perché eventualmente aveva bevuto un bicchiere di troppo o addirittura indossava un perizoma, che proverebbe
inconfutabilmente la natura consensuale del rapporto sessuale. Quanti femminicidi sono stati descritti nei tribunali e dai media come esito di raptus omicidi? Mariti e compagni assassini che improvvisamente non rispondevano più delle loro azioni, giudicati inabili di intendere e di volere e tutelati dal sistema giuridico e dall’opinione pubblica, entrambi miopi ed intrisi di retorica misogina. La violenza assume diverse sembianze, si manifesta con modalità cangianti a seconda
dell’istituzione, del gruppo sociale, dell’ambito professionale in cui viene esercitata e la difficoltà dismascherarla risiede nell’assuefazione sociale alle pratiche discriminanti e maschiliste della quale la
stragrande maggioranza è soggetta. Quante volte abbiamo subìto ingiustizie, discriminazioni,appellativi, apprezzamenti fuori luogo e molestie? Quante volte ci siamo scontrate con gli esiti dell’educazione dei generi binari e con le conseguenze degli stereotipi atti a giudicare,regolamentare e controllare i nostri corpi? Vogliamo considerare queste e molte altre domande come
punti di partenza per un’analisi individuale e collettiva, vogliamo sviscerare questi temi fino a sciogliere la ragnatela che il sistema patriarcale ha tessuto intorno a noi, intrappolandoci nella violenza delle istituzioni, dei luoghi comuni e dei ricatti economici. Pensiamo che questa lotta debba avere inizio dai territori che attraversiamo quotidianamente, a partire dalle contraddizioni e dagli abusi che riscontriamo ogni giorno negli ospedali, nei consultori, nei luoghi di lavoro, nelle strade e nelle relazioni sociali più e meno intime. Sentiamo la necessità di unire le nostre voci e le nostre forze per denunciare i disservizi sanitari che si ripercuotono sui nostri corpi, le negligenze egli interessi economici che ci impediscono di esercitare i nostri diritti in autonomia e libertà, vogliamo ribellarci ai ricatti del lavoro produttivo e riproduttivo, ai soprusi e alle molestie che subiamo nei nostri ruoli di impiegate, casalinghe, badanti, studentesse, ricercatrici, insegnanti, lavoratrici autonome, operaie e disoccupate. Crediamo nell’esigenza di respingere qualsiasi stereotipo di genere, ogni ruolo che ci viene imposto dal sistema economico e patriarcale che regola
le nostre vite. Dobbiamo scardinare i meccanismi di violenze fisiche e psicologiche della mascolinità tossica, le torture e i ricatti celati nelle mura di casa, dalle quali molte di noi hanno difficilmente scampo. Per tutte queste ragioni riteniamo urgente intraprendere un percorso di lotta
femminista a Cosenza, e lo vogliamo intersezionale, in quanto pensiamo che la discriminazione e la
violenza di genere provengano dalla matrice di un unico sistema, che è sessista, xenofobo, omofobo, che acuisce le disuguaglianze sociali ed economiche e si alimenta a scapito delle soggettività oppresse.

Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.Nessuna descrizione della foto disponibile.Nessuna descrizione della foto disponibile.

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *