RIAPRITE IL CONSULTORIO DI CELICO – 11 FEB – ORE 10 ALL’ASP DI COSENZA

11 FEBBRAIO – ORE 10 ALL’ASP DI COSENZA
 La chiusura del Consultorio di Celico rappresenta l’ennesimo schiaffo alla dignità delle cittadine e dei cittadini che abitano questo territorio.
Cittadini/e che hanno lottato contro la discarica, per salvaguardare la propria salute, oggi si ritrovano oltre al danno anche la beffa: la discarica rimane aperta e intanto vengono chiusi anche i pochi presidi sanitari che potrebbero servire a curare e prevenire i tumori e le malattie causati dalla stessa.🏥 Il presidio sanitario negli ultimi 5 anni è stato lasciato morire lentamente a causa del blocco del turnover e della carenza di investimenti minimi, misure imposte dal Piano di Rientro e dalle decisioni dell’ASP di Cosenza. Tutte le persone che ricoprivano ruoli professionali fondamentali sono andate in pensione senza mai essere sostituite e la mancanza di strumentazioni essenziali, come l’ecografo, lo hanno reso del tutto inservibile.⚠ Il Consultorio copriva tutta l’area della Presila, che comprende più di 20 mila abitanti. È stato il primo Consultorio a nascere in Calabria alla fine degli anni ‘70 e ha rappresentato uno dei rarissimi esempi virtuosi della medicina territoriale e di prossimità nella provincia.⏳Da tempo ormai assistiamo al sistematico smantellamento dei servizi sanitari pubblici, tra cui i consultori, presidi fondamentali per la salute della donna, gli unici che dovrebbero garantire un accesso diretto alle prestazioni, senza il pagamento del ticket e mettendo a disposizione diverse figure professionali.❌ La chiusura di questo consultorio è l’ennesima violenza istituzionale che si trasforma nella negazione di vari diritti, quello alla salute ma anche quello all’autodeterminazione, nel caso di interruzioni di gravidanza o terapie contraccettive o ancora transizioni di genere.💸 Quel che è certo è che negli ultimi dieci anni di tagli alla sanità, per risanare un debito che non abbiamo creato noi cittadine e cittadini, ma chi ha amministrato in modo scellerato la cosa pubblica, i servizi di prevenzione e di medicina territoriale sono stati considerati l’ultima ruota del carro, concentrando il più possibile le prestazioni negli ospedali più grandi e più centrali, che puntualmente hanno problemi enormi ad affrontare anche l’ordinario.❗Questo ultimo anno di emergenza sanitaria ha reso evidente quanto il nostro sistema sanitario sia del tutto inadeguato a rispondere alle esigenze dell’utenza, specialmente quando le risposte devono essere quanto più capillari possibile per incidere positivamente.⚠ A fronte di questa situazione generale e della chiusura di fatto del Consultorio di Celico, troviamo file di politici che dimostrano interesse solo quando questo è funzionale alla campagna elettorale, millantando soluzioni che poi non arrivano mai. E nel caso specifico del territorio silano e presilano, sappiamo bene che la colpa di tutto ciò è da attribuire a vari politici del PD che hanno un nome, un cognome e delle responsabilità precise nel rendere questi posti spazi non sicuri e non agibili.❌ La verità è che sulla sanità pubblica ha banchettato gran parte della nostra classe politica, di ieri e di oggi, la quale ha fatto in modo di favorire sempre e comunque le cliniche private convenzionate e che ha costretto migliaia di persone ad emigrare da questa terra per cercare cure o lavoro.💣 
ADESSO BASTA, VOGLIAMO PIÙ SPAZI PER LA SALUTE E LA CURA:
RIAPRITE IL CONSULTORIO DI CELICO E TUTTI GLI OSPEDALI, GLI AMBULATORI E CONSULTORI DELLA PROVINCIA.#facciamospazio
Durante il presidio verranno rispettate le norme anticovid.
FEM.IN. Cosentine in Lotta
Biblioteca delle Donne Bruzie
Comitato Sanità Pubblica Presila

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *